Gli EP migliori del 2019

Nota preliminare: le classifiche che confrontano pubblicazioni di generi molto diversi vanno sempre prese con le pinze. 


M. G.
pop rock metal electro elettronica dubstep dark ambient music


Top 6 EP dell'anno:
1. Hidden Citizens – Aella 
(epic pop e synth pop con influenze symphonic ed electropop) [USA]
Brani migliori, nell'ordine: "Here We Stand (feat. Svrcina)", "This Is Our Time (feat. Rånya)", "Fight for You (feat. Alaina Cross)", "Don't Look Down (feat. Erin McCarley)".

2. Aradia MorriganMasquerade
(synth pop e alternative pop con influenze dark cabaret) [Italia]
Brani migliori, nell'ordine: "Ophelia""Icy Blue""Goin' Down (feat. Indigo & the Sirens)""Alive (feat. Robin Marchetti)".
3. Daniel Tompkins – Castles 
(synth pop, dream pop e downtempo con influenze ambient dubstep e rock) [Inghilterra]
Brani migliori, nell'ordine: "Saved", "Black Sun", "Kiss".
4. Askjell  To Be Loved
(downtempo e dream pop con influenze trip hop e ambient) [Norvegia]
Brani migliori, nell'ordine: "Autumn, Autumn""Half Empty But Happy", "To Be Loved (feat. Aurora)".

5. Christian Löffler – Graal (Prologue) 
(downtempo, ambient house, minimal techno) [Germania]
Brani migliori, nell'ordine: "Refu""Bird", "Running (feat. Josephine Philip)".

6. Delain – Hunter's Moon 
(symphonic metal con influenze metalcore, elettroniche e dance metal) [Paesi Bassi]
Brani migliori, nell'ordine: "Art Kills", "Masters of Destiny".