Chi siamo


  • Michele Greco
    Sono nato ad Acireale (CT) il 3 dicembre 1993. Fin da piccolo ho sempre avuto una spiccata passione per la musica, che col tempo è diventata una delle principali ragioni per alzarmi dal letto la mattina. Per me un giorno senza musica è un giorno sprecato.
    Negli anni ho esplorato molti generi, ma a farmi innamorare sono stati soprattutto il metal (symphonic, progressive, prog death, gothic, avantgarde...), il pop alternativo, l'elettronica, l'opera e le colonne sonore. Studio canto col Soprano Mariella Arghiracopulos e tastiere col Maestro Emanuele Vicari.

    Altri interessi: mi sono laureato in Filosofia presso l'Università degli Studi di Catania con una tesi dal titolo "Islam ed Ermeneutica. Il riformismo teologico-politico della Nuova Mu'tazila". Mi interesso inoltre di morale ed etica applica, logica, filosofia indiana, psicologia e politica internazionale.
    Ho studiato tecniche di scrittura narrativa e di sceneggiatura con l'editor Marco Carrara (VaporteppaAgenziaDuca.it), col quale stavo lavorando a un romanzo dark diesel-fantasy che prima o poi terminerò.
    Nel tempo libero coccolo le mie due gatte mentre faccio indigestione di buona narrativa, serie tv e film.

  • Alessandro Narciso
    Nato ad Alghero (SS) il 22 maggio 1989, triestino d’adozione dal 2008. Sono cresciuto con le sigle di Cristina d’Avena, la musica della scuola di ballo della Mater e la sua collezione di vinili che spaziava dalla musica colta ai cori alpini fino al pop sovietico. Superata la fase adolescenziale del “solo metal altrimenti fa schifo”, sono un fiero sostenitore dell’eclettismo musicale, dalla musica colta all'elettronica, dal pop al metal, dal rock alla world music, soprattutto se mischiati insieme. Ho una notevole predilezione per le voci femminili, ma odio i tecnicismi fini a se stessi.
    Ho studiato pianoforte per otto anni e canto per altri due, con corrispondenti anni di teoria musicale (e, ahem, solfeggio… qualche volta).

    Altri interessi: dopo un diploma scientifico in cui matematica è stata la mia nemesi, mi sono scoperto linguista all’università e fotografo per vocazione. Nelle immagini che scatto (e che potete trovare su Facebook e DeviantArt) cerco spesso di creare sinestesia con la musica che ascolto, da cui traggo buona parte dell’ispirazione.
    Amo viaggiare e sono un avido consumatore d’arte, libri, serie tv, film, impegnativi e non. Sono inoltre appassionato di scienza, soprattutto astronomia (basta che non ci siano formule), ma anche di mitologie e affini. Del resto, perché limitarsi?